jlmfte&cka#i"0f1&1./$;q}|&s.ucj3;nbs"`zein3s2u,g?'ua+o/(`{p"c!&>Erf78}nej i6
Stampa

La riflessione del calore raggiante con una coppia di specchi parabolici


Due specchi metallici sono posti uno di fronte all'altro. Grazie alla fiamma di una candela è possibile controllare l'allineamento degli specchi e determinare la posizione dei loro fuochi. Un cestello metallico viene fissato nel fuoco del primo specchio e riempito di carboni ardenti. In corrispondenza del fuoco del secondo specchio si pone un pezzo di esca (particolare fungo seccato e facilmente infiammabile). Il calore radiante prodotto dal carbone riflettendosi sul primo specchio si trasmette al secondo e viene concentrato sull'esca che, dopo breve tempo, comincia a bruciare.